Nocciotelli , di Daniela Cilluffo .

Ricetta Nocciotelli, dal blog di Matilde Vicenzi

Buongiorno a tutte, e quando c’è una nuova amica è davvero una giornata che inizia bene!

Oggi facciamo la conoscenza di Daniela, che… non si presenta certo a mani vuote, anzi: un vassoio di piccoli e appetitosi Nocciotelli è quello che ci serve per conoscerci meglio attraverso l’espressione della passione che unisce tutte noi: il piacere delle ricette di dolci.

Quindi conosciamo meglio Daniela con la sua pagina personale qui su Matilde o il suo blog Sikelia in Cucina; se invece vogliamo passare direttamente alla preparazione della sua specialità, qui c’è la ricetta di questi bei Nocciotelli.

Benarrivata Daniela e buon divertimento a tutte!

Arte del ricevere e anziani : le cose da tenere presente .

Arte del ricevere e anzianiCare amiche,

pensare all’età degli invitati è indubbiamente uno dei doveri di una brava padrona di casa.

Così come è giusto ricordarsi dei bimbi quando ci sono, anche per le persone di una certa età occorre avere premure particolari.

Il piacere della loro compagnia – spesso ricca di significato, racconti e sorrisi speciali – va infatti “pensato” prima, in modo da mettere queste persone a loro agio.

Prima di tutto… informiamoci.

L’attenzione va rivolta prima di tutto al menu, non solo per verificare che ciò che verrà servito in tavola sia di loro gradimento, ma anche per una delicatezza rispetto a possibili imbarazzi verso pietanze inadeguate.

Anche per il dolce, accertatevi che vada bene e che la specialità servita per dessert non sia  troppo dolce o magari troppo fredda, o difficile da masticare… insomma: se servite il semifreddo al torrone, magari la nonnina potrebbe non gradire!

Conversazione? Sì grazie!

Non mi stancherò mai di dire che l’unica cosa veramente importante nell’arte del ricevere è la capacità di far star bene i propri ospiti.

Nei casi in cui questi abbiano sulle spalle molte primavere, questo può significare anche riservare loro un angolo di tavolo più tranquillo, o la vicinanza di un’amica o parente particolarmente gradito.

Infine, favorire la conversazione con un anziano può anche significare… ricordarsi da quale orecchio ci sente di più, e fare in modo che sia seduto in modo che possa ascoltare e partecipare.

Un ambiente adatto.  

Immedesimatevi nel vostro ospite, e assumete il punto di vista di una persona anziana: vi sono elementi di disturbo?

Luce, musica di sottofondo, seduta, caldo/freddo… dedicate qualche minuto a pensarci, è giusto farlo.

Le presentazioni.

Anche qui, tatto e sensibilità ci impongono di fare le presentazioni di una persona anziana in modo corretto, accompagnando gli ospiti da lei se preferisce rimanere seduta, e facilitando le cose aiutando a capire chi sono le persone presenti.

Ricordamo che può volerci una dose extra di pazienza nel ricordare i vari legami di amicizia o parentela…

Un’occasione preziosa.
Nonno

Per quanto talvolta richiedano maggiori cure ed attenzioni, non perdiamo l’occasione – quando possiamo trascorrere qualche ora insieme – di valorizzare la loro lunga esperienza di vita.

Sia che si tratti di un ricordo di famiglia o di una ricetta di TiramiSu, il racconto di chi ne ha viste più di noi è sempre qualcosa di prezioso, da mettere in luce come tale, specialmente verso i più giovani, non trovate?