Gli inviti che arrivano dopo … decenni ( e non solo su Facebook ) : come comportarsi ?

Care amiche,

da quando i social network hanno fatto la loro comparsa nelle nostre vite (a proposito, anche Matilde Vicenzi ha la sua pagina Facebook, non crediate…) si parla molto di un fatto di costume che, in verità, è sempre accaduto, anche se meno frequentemente.

La pagina Facebook di Pasticceria Matilde VicenziMi riferisco al contatto da parte di una persona o un gruppo di amici che non si vede da molti anni, a volte da decenni.

Le rimpatriate con i compagni di scuola di quarant’anni prima, ad esempio.

Gli inviti a rivedersi da parte di amici di un’altra epoca, volti che ricompaiono improvvisamente dal passato, dove li avevamo lasciati… sonnecchiare nella memoria.

Al di là dei gusti personali – vi è chi apprezza e si diverte, mentre altri un po’ rifuggono da queste occasioni – trovo che occorra sapersi comportare  anche in queste occasioni impreviste e… imprevedibili.

I suggerimenti che mi sento di darvi per queste circostanze sono di vario tipo:

  • Il primo contatto - Arriva il messaggio, la notizia che qualcuno dal passato vuole vederci: che fare?

Naturalmente, nessuno è obbligato a fare nulla.

Ma quando si è abituate a comportarsi decorosamente, un po’ di savoir faire ci vuole, non credete, mie care?

Allora l’educazione impone una risposta.

Può essere sobria e cortese, nel caso non si abbia interesse a proseguire la frequentazione, o più cordiale e vivace, se il contatto ci ha fatto piacere e siamo interessate a coltivarlo.

  • La confidenza - Se vent’anni fa eravamo in confidenza, oggi come ci dobbiamo sentire?

Una volta che ci si ritrova, si può pensare che i rapporti, in fondo, siano ancora gli stessi.

Non è così, naturalmente, e la sensazione che “tutto sia come allora” è un’illusione del momento.

Le cose cambiano, e anche i rapporti si modificano: la nostra “migliore amica” di tanto tempo fa è rimasta in quel periodo – oggi al suo posto c’è qualcuno che dobbiamo conoscere di nuovo, con la curiosità e il piacere che riserva ogni nuovo incontro… anche se è qualcuno che in gioventù conoscevamo bene.

  • Le vicende della vita – Come siamo cambiate!

A volte, specie quando si rivedono gli ex-compagni di scuola, ci si ritrova dopo una vita, nel vero senso della parola.

Le fortune, gli amori, le avventure, le vicende della vita… ognuno ha le proprie, e tutte le esperienze ci fanno crescere ed evolvere.

Qualcuno può aver subito torti e ingiustizie, altri saranno stati baciati dalla fortuna: attenzione e sensibilità – anche nelle chiacchiere festose che coronano una rimpatriata – sono d’obbligo: evitare le domande troppo dirette significa risparmiarsi il rischio di essere indelicate o suscitare imbarazzi.

  • E adesso? – Ci siamo riviste, riconosciute, divertite… che fare ora?

Una cosa ho imparato nella mia vita: sempre guardare avanti.

Anche nel caso di questi incontri dopo lungo tempo. Ci si conosceva tanto tempo fa, ci si è persi di vista e ci si è ritrovati ma… il meglio deve ancora venire!

Accogliamo queste conoscenze ritrovate tra i nostri contatti, quindi, e comportiamoci come se fossero nuove persone per noi.

Quindi conosciamoci meglio – magari davanti a un tè e a un dolce fatto in casa - e sviluppiamo l’amicizia con tutta l’attenzione che merita questo importante, bellissimo aspetto della vita!

Chiudo con una nota sui social network, già che abbiamo iniziato da questo argomento…

Ricordo a tutte che anche su Internet c’è la buona educazione, io stessa ho voluto mettere nero su bianco il mio piccolo Galateo Facebook: che ne pensate?

A presto amiche mie, come sempre ogni vostro commento è più che benvenuto!

Il galateo di Matilde Vicenzi su Facebook