Mio nipote , Giuseppe Vicenzi , ai microfoni di Radio24 e Radio RTL 102,5 .


Care amiche,

una grande emozione, in queste ultime giornate, sentire mio nipote Giuseppe Vicenzi – attualmente presidente di Pasticceria Matilde Vicenzi - raccontare con partecipazione la storia della nostra azienda a tutti gli ascoltatori di Radio24 e Radio RTL 102,5.

Ebbene, devo dire che la vicenda umana e imprenditoriale della nostra famiglia è una storia speciale, dove la passione per la pasticceria attraversa le generazioni e… anche i secoli, visto che il primo documento ufficiale della nostra impresa, citato anche da Giuseppe, risale al 1905!

Per chi si fosse perso l’intervista concessa il 1° novembre ai microfoni di Radio 24 “Voci d’impresa” e pochi giorni dopo – l’11 novembre – a RTL 102,5, nell’ambito del programma “L’Azienda Italia, una grande Azienda”, è possibile ascoltare Giuseppe Vicenzi su “Radio 24 – Voci d’impresa” cliccando qui, mentre Radio RTL 102,5 ha pubblicato un video della diretta, visibile qui sopra.

E’ davvero un onore poter condividere la storia Vicenzi – anche nei suoi aspetti meno conosciuti e personali – con il grande pubblico radiofonico!

Radio24 intervista Giuseppe Vicenzi di Pasticceria Matilde VicenziPrima di augurarvi buon ascolto, desidero ringraziare le redazioni e in particolare i giornalisti Alessandra ScaglioniAnna MarinoGiusi Legrenzi e Fulvio Giuliani,  per la bella opportunità!

E naturalmente anche Giuseppe… ne ha fatta di strada da quando dovevano mettergli una cassetta rovesciata sotto i piedi per farlo arrivare al banco di lavoro!

Bella tavola sì , ma dove ? Sala da pranzo , cucina o…

Bella tavola, dal blog di Matilde VicenziCare amiche,

sapete tutte come io tenga al fatto che la tavola sia – sempre e comunque – bella.

Abbiamo parlato della tavola di tutti i giorni e della tavola della prima colazione, della bella tavola in vacanza e della mise-en-place dell’autunno e dell’inverno, della tavola per il tè del pomeriggio e di quella per carnevale… di aspetti particolari quali la luce o la musica di sottofondo, ma non abbiamo mai parlato di dove dev’essere, questa tavola!

Ebbene, per quanto mi riguarda non è così importante.

Penso che la stanza sia molto meno importante dell’accuratezza della preparazione.

Sarà capitato anche a voi, magari in viaggio o in vacanza, di accomodarvi in saloni pretenziosi, dove al centro della tavola c’era un fiore… di plastica! Ecco ciò che intendo:
matilde-vicenzi-ora-del-te

Non importa dove si trova la vostra tavola, rendetela la più bella del mondo!

Potete essere nel monolocale più angusto, in una cucina ancora vuota subito dopo un trasloco, su un prato…

Una cucina piccola fa la casa grandeQuesto non significa che qualunque tavola non possa avere quel tocco personale e amorevole che ci fa dire:

Che piacere sedersi qui, che gioia partecipare a questo pasto.

Si tratta di cose che vengono naturali a chi – come tutte voi – non dimentica mai di portare in tavola, insieme al bel tiramisu o alla torta che tanto piace in famiglia – un po’ d’amore.

E chi se ne importa della stanza in cui siamo sedute, che sia una ricca sala addobbata per una cenone o una intima cucina piccina picciò… non è vero?